Quantcast
Prime posizioni su Google | Risorsegratis.org

Prime posizioni su Google

google
Categoria: Archivio Motori di ricerca
Tag: #google prime posizioni #rank google
Condividi:

google-3Prime posizioni su Google
Anche se sembra un pò ovvio la migliore guida da seguire per essere nelle prime posizioni di Google è quella di Google stessa, alla lunga risulta la vincente nel tempo.
Ecco i consigli che Google da per indicizzare le vostre pagine:
Istruzioni su struttura e contenuto:
* Progettate un sito con gerarchia e links testuali comprensibili. Ogni pagina dovrà essere raggiungibile da almeno un link testuale statico.
* Offrite agli utenti una mappa del sito con links che puntino alle sezioni più importanti. Se la mappa del sito contiene più di 100 links, suddividere la mappa in pagine separate.
* Create un sito utile e ricco di informazioni, con pagine che descrivano in modo chiaro e accurato il contenuto del sito.
* Pensate alle parole che gli utenti potrebbero digitare per trovare le vostre pagine e accertatevi che siano incluse nel vostro sito.
* Provate a utilizzare del testo anziché immagini per visualizzare nomi, contenuti o links importanti. Il programma di scansione di Google non riconosce il testo contenuto nelle immagini.
* Assicuratevi che il tag TITLE e gli attributi ALT delle immagini siano descrittivi e precisi.
* Verificate l’eventuale presenza di links inaccessibili e la correttezza del codice HTML.
* Se decidete di utilizzare pagine dinamiche (es. l’URL contiene un carattere ‘?’), ricordate che non tutti gli “spider” dei motori di ricerca effettuano la scansione di pagine dinamiche oltre a quelle statiche. È utile prevedere un numero esiguo di parametri brevi.
* Limitate il numero di link in una pagina a una quantità ragionevole (meno di 100).
Istruzioni tecniche:
* Utilizzate un browser di testo come Lynx per esaminare il vostro sito, in quanto molti spider dei motori di ricerca rilevano il sito allo stesso modo di Lynx. Se caratteristiche avanzate quali Javascript, cookies, ID di sessione, frame, DHTML o Flash vi impediscono di visualizzare l’intero sito in un browser di testo, anche gli spider dei motori di ricerca potrebbero incontrare problemi durante la scansione del vostro sito.
* Consentite ai motori di ricerca di eseguire la scansione dei vostri siti senza ID di sessione o argomenti che ne rilevano il percorso in tutto il sito. Queste tecniche sono utili per la rilevazione del comportamento del singolo utente, ma lo schema di accesso dei programmi automatizzati è completamente differente. L’utilizzo di queste tecniche può condurre a un’indicizzazione incompleta, poiché i programmi automatizzati non sono in grado di eliminare gli URL che hanno un aspetto diverso, ma puntano effettivamente alla stessa pagina.
motori* Assicuratevi che il vostro server Web supporti l’intestazione HTTP If-Modified-Since. Questa funzione consente al server Web di comunicare a Google se il contenuto è stato modificato dall’ultima volta che è stata eseguita la scansione del vostro sito. L’implementazione di questa funzione consentirà di limitare l’uso di larghezza di banda e di ridurre il sovraccarico.
* Utilizzate il file robots.txt nel vostro server Web. Questo file comunica ai programmi di scansione quali directory è vietato o è concesso scansionare. Assicuratevi che il file sia aggiornato, in modo da non bloccare involontariamente il crawler di Google.
* Se la vostra azienda acquista un sistema di gestione contenuti, assicuratevi che questo sia in grado di esportare il vostro contenuto in modo che gli spider dei motori di ricerca possano eseguire la scansione del vostro sito.

Publicato: 4/3/2015Da: wonder

Potrebbe interessarti